Da Venezia a Medjugorje in bici: il viaggio della speranza

Madonna di Medjugorje- chiesa di San Giacomo

 

Da Venezia a Medjugorje in bici: è questa la nuova sfida di Mario Alinovi, l’osteopata che qualche giorno fa, il 20 di luglio, è partito per la sua “missione” lunga oltre 1100 km.

Da Venezia a Medjugorje in bici per i suoi pazienti

L’uomo, da sempre un appassionato di sport, durante le visite ai pazienti ha constatato che molti di loro soffrono di malattie difficili e molto spesso dolorose, e da questo ha capito che doveva fare qualcosa. Andare dalla Gospa a chiedere aiuto per quelle persone che cura e che ha a cuore. Proprio da loro ha trovato quella grande forza necessaria per compiere un’impresa del genere, così, con uno zaino di 10 kg in spalle e il peso di tutta quella sofferenza che ha visto con i suoi occhi, si è messo in viaggio.

Da Venezia a Medjugorje in bici: una “missione” non improvvisata

Ovviamente per andare da Venezia a Medjugorje in bici è necessario avere alle spalle un grande allenamento, e questo Mario ce l’ha senza dubbio: è sempre in sella alla sua bici, e di viaggi simili ne ha già compiuti molti, come quello sull’Himalaya. L’unico neo? Sono sempre esperienze in solitaria, perché come lui stesso ha ammesso: “È difficile trovare una persona altrettanto coraggiosa che mi accompagni. I giorni si susseguono insieme alla strada e alla fine, quando torni indietro, deve esserci qualcosa che ti è rimasto aggrappato durante il percorso, qualcosa di estremamente bello e importante”.

Da Venezia a Medjugorje in bici- MarioMedjugorje non è stata una scelta casuale: “Ciò che mi ha sempre colpito e persino meravigliato nei pellegrini che vanno a Medjugorje– ha dichiarato Alinovi- è il fatto ben accertato che nella loro grande maggioranza ritornano a casa pieni di entusiasmo. Spesso mi è accaduto di ascoltare che hanno affrontato il pellegrinaggio persone in gravi difficoltà morali e spirituali e di salute, e a volte persino disperate e quasi sempre ne hanno tratto grandi benefici. Non di rado si tratta di giovani e di uomini, assai meno disponibili alle facili emozioni”.

Da Venezia a Medjugorje in bici: le tappe del viaggio

Il tempo a disposizione è di circa una settimana, perché poi deve tornare dai suoi pazienti. Quindi l’osteopata ha deciso di effettuare diverse tappe giornaliere, che lo portano dalla Madonna, e proprio sulla Collina delle Apparizioni, porterà le preghiere di tutte quelle persone che ha in cura.

L’uomo percorrerà quindi:

– Venezia/ Trieste: 161 Km

– Trieste / Segna (Croazia): 140 km

– Segna/ Tenin (Croazia): 215 km

– Tenin /Mostar e Medjugorje (Bosnia ed Erzegovina): 216 km

– Medjugorje /Dubrovnik (Croazia): 136 km

– Traghetto Dubrovnik/Bari

– Bari/Vasto: 258 km

Un’esperienza senza dubbio ardua, non tanto per i chilometri da fare da Venezia a Medjugorje in bici, ma per quel bagaglio “invisibile” di intenzioni, malanni e sofferenze che Mario ha deciso di accollarsi per regalare ai suoi pazienti un po’ di sollievo. Bagaglio che la Mamma Celeste lo aiuterà a portare fino all’arrivo, quando potrà “liberarsene” con cuore puro e sincero.

The following two tabs change content below.

Krizia Ribotta Giraudo

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

4.8 5 203
Pellegrinaggi
164
Pellegrinaggio a Lourdes dal 2 al 5 Giugno
13-06-2016
5 5

Con questa mia desidero esprimere i più sinceri complimenti per il garbo, la professionalità, la competenza e la disponibilità con le quali Roberto ci ha accompagnato nel pellegrinaggio.
Essendo diretti in un luogo di culto e di fede, durante il viaggio sia all’andata che al ritorno, ha saputo gestire i momenti di preghiera e di approfondimenti storico culturali senza imporli ma proponendoli con garbo.
Una volta sul posto ha saputo dare ai partecipanti un quadro sufficientemente chiaro ed esaustivo della vita e …

Continua Lettura »

Leggi Tutte le Recensioni »
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.