Gigliola Candian e la sua guarigione a Medjugorje

guarigione

 

Gigliola Candian racconta la sua guarigione a Medjugorje, grazie alla quale ha sconfitto completamente la sclerosi multipla, da cui era affetta da diversi anni. Ha visto Gesù, ha ritrovato la fede ed è tornata a camminare, pronta ora per correre verso la nuova vita misericordiosa che l’attende.

La malattia e il primo pellegrinaggio a Medjugorje

Gigliola è una mamma e lavoratrice a tempo pieno di Fossò, a Venezia. Nel 2004, viene sconvolta da una malattia terribile, la sclerosi multipla, che si impossessa di lei in forma violenta e la costringe alla sedia a rotelle. I medici sono realisti fin da subito: c’è sì una cura per la giovane donna, ma non c’è speranza di guarigione.

Madonna MedjugorjeTra una visita in ospedale e l’altra Gigliola, nel 2011, decide di ascoltare gli zii e va in pellegrinaggio a Medjugorje. Lì ritrova non solo la fede, ma anche la forza per non arrendersi e combattere, affidandosi completamente all’amore di Gesù e della Madonna. Torna a Venezia vogliosa di andare all’adorazione eucaristica, e riprende a partecipare alla Messa.

La guarigione a Medjugorje e la prima apparizione di Gesù

Proprio durante una celebrazione domenicale, nel 2013 Gigliola vive un’esperienza sconvolgente: “Ero immobilizzata sulla mia carrozzina e stavo guardando la messa in televisione, quando sull’Eucarestia ho notato il volto di Cristo. Ho provato imbarazzo e ho chiesto a diversi sacerdoti com’era possibile, ma mi hanno risposto che sulla particola incidono solo la sigla IHS o la croce”.

Il miracolo e la guarigione a Medjugorje

Al primo pellegrinaggio in Bosnia ne sono seguiti altri, fino a quando, nel settembre 2014, Gigliola riceve il segno più tangibile: la guarigione a Medjugorje, una guarigione fisica. “Non mi sono mai chiesta perché proprio io. Forse doveva semplicemente andare così. I medici hanno visto una frattura alla colonna vertebrale, ma io sono qui che cammino ancora. Nel mio primo viaggio è avvenuta la mia conversione spirituale, che credo sia stata indispensabile perché avvenisse quella fisica”.

PreghieraDurante una messa di guarigione e liberazione, il sacerdote le fa l’imposizione delle mani, e la donna cade a terra, restando in quello che viene chiamato “riposo dello spirito”, per circa 40 minuti. “Ero in un’altra dimensione piena di serenità, non potevo muovermi ma sentivo tutto. Ho cominciato a piangere. Poi, quando mi sono risvegliata, e prima di sedermi di nuovo sulla sedia a rotelle, il prete mi ha detto di fidarmi di Gesù, e ho provato a camminare. Ho sentito qualcosa o qualcuno che mi spingeva. E da quel momento la mia carrozzina è finita in un angolo, e cammino. Certo, sempre con qualche difficoltà, ma cammino di nuovo”.

La guarigione a Medjugorje e la visione di Gesù

Il giorno della guarigione a Medjugorje, Gigiola vede nuovamente Gesù, e capisce che quella nell’ostia non era stata un’immagine frutto della sua fantasia. Lo vede davanti a lei, bellissimo, con i capelli lunghi, gli occhi celesti e un enorme sorriso. Ha le sembianze di quello apparso a Santa Faustina, e lei prova una forte fitta al cuore. La sensazione è la stessa di quando sei innamorato, con il cuore colmo d’amore e di preghiera.

The following two tabs change content below.

Krizia Ribotta Giraudo

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

4.8 5 203
Pellegrinaggi
164
Pellegrinaggio a Lourdes dal 2 al 5 Giugno
13-06-2016
5 5

Con questa mia desidero esprimere i più sinceri complimenti per il garbo, la professionalità, la competenza e la disponibilità con le quali Roberto ci ha accompagnato nel pellegrinaggio.
Essendo diretti in un luogo di culto e di fede, durante il viaggio sia all’andata che al ritorno, ha saputo gestire i momenti di preghiera e di approfondimenti storico culturali senza imporli ma proponendoli con garbo.
Una volta sul posto ha saputo dare ai partecipanti un quadro sufficientemente chiaro ed esaustivo della vita e …

Continua Lettura »

Leggi Tutte le Recensioni »
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.