Il significato del pellegrinaggio per un accompagnatore

pellegrinaggi-santi

 

Per la buona riuscita di un pellegrinaggio, è necessario avere una figura professionale a cui, contrariamente a quanto si può pensare, sono affidate molte responsabilità. Quello che in passato era considerato il semplice “capogruppo”, negli ultimi tempi ha acquisito una posizione maggiore, un ruolo che non può di certo essere ricoperto da tutti, visto il grande compito che gli è stato dato.

L’accompagnatore in un pellegrinaggio, poi, diventa un punto di riferimento non solo nei momenti comuni, in cui si è tutti insieme e si prega con il cuore, ma anche e soprattutto in quegli attimi di sconforto, in cui le emozioni, le paure, la rabbia e la solitudine sembrano avere la meglio sulla preghiera.

Attraverso le sue parole, possono scaturire delle chiacchierate costruttive sul senso della vita, la bellezza della preghiera, l’immensità di quel sentimento che Dio prova per noi, anche quando non riusciamo (o non vogliamo) rendercene conto. Momenti importanti, questi, che permettono a tutti di mettersi a nudo e di condividere con degli (apparenti) sconosciuti, 5 giorni della loro vita, per poi magari riuscire a costruire una solida amicizia una volta tornati a casa.

Non un gruppo di persone, ma una piccola grande famiglia

Uriele e GinaL’esperienza del pellegrinaggio diventa vitale nel momento in cui si crea una certa armonia e fratellanza tra tutti i componenti, figli della stessa madre che hanno deciso di andare a pregare e a ringraziare, sia a Lourdes che a Medjugorje. Non una gara a chi arriva per primo alla Statua, o a chi trascorre più tempo inginocchiato raccolto in meditazione, ma una catena umana che, partendo dal primo, fino all’ultimo, si aiuta, per arrivare vittoriosa davanti a lei, la Mamma Celeste. Anche per questo il pellegrino in salute che ha la fortuna di arrivare in cima al Krizevac, il Monte della Croce, prega per quello più anziano che è rimasto in parrocchia, e viceversa.

Si è in contatto l’un l’altro, sempre, dal momento in cui ci si saluta con il buongiorno a colazione, fino alla buonanotte la sera tarda. Per qualcuno, addirittura, continua tutta la notte, per un raccoglimento in preghiera, una salita in notturna alla Collina delle Apparizioni, un momento di festa tra canti, una chitarra e qualche bicchiere della grappa artigianale di Medjuogorje. Un vero e proprio inno alla vita, per ringraziare il Signore del grande dono che ci ha fatto con la sua morte e resurrezione, e per rispondere in modo attivo a quella chiamata che la Madonna ha deciso di farci proprio in quel determinato momento.

L’accompagnatore, un pellegrino con i pellegrini

Il pellegrinaggio, per un accompagnatore, a volte può essere massacrante, con ritardi rispetto a quella che si potrebbe definire la tabella di marcia, anche se non c’è mai un programma vero e proprio, visto che le testimonianze dei veggenti, così come le attività parrocchiali hanno la precedenza sia sulle salite al Podbrdo e al Krizevac che sulle visite alle varie comunità.

Suor KorneliaPerché offrire di più di quello che rientra nei compiti di un accompagnatore? Perché voler sacrificare il (poco) tempo libero che si ha a disposizione per stare ad ascoltare in silenzio, un pellegrino che, in te, ha trovato non uno sconosciuto, ma un amico di lunga data, con cui sfogare e su cui “vomitare” anni e anni della propria vita? Perché rinunciare alla preghiera individuale, preferendo quella collettiva, insieme ai pellegrini, tenendosi per mano, o stringendosi in un abbraccio collettivo? Domande, queste, che trovano risposta nelle parole di uno degli accompagnatori di Pellegrinaggi Santi e Club Magellano, Uriele Nizzi.

Lui, che ogni volta impara delle lezioni di vita dai “suoi” pellegrini, vive Medjugorje ogni volta in modo diverso, ma sempre con umiltà e preghiera, perché l’intensa esperienza spirituale di quello che è uno dei centri mariani più conosciuti al mondo, è in grado di segnare profondamente la vita di tutti.

E, forse, è proprio di quello che abbiamo bisogno tutti, indipendentemente dal nostro “ruolo” in un pellegrinaggio. Non c’è una parte attiva e una passiva, non c’è l’agenzia da una parte e il cliente dall’altra, non c’è il capo e il gruppo. C’è solo un gruppo di persone che condivide l’amore per la religione, vista come strumento di che permette di sopportare tutte le disgrazie che possono accadere nella vita e di superare quei piccoli grandi ostacoli che nella quotidianità possono oscurare il sentimento profondo per Dio. L’accompagnatore è un pellegrino con i pellegrini, una persona che pecca allo stesso loro modo, e vive quell’avventura imbevuta di fede insieme a loro, che pian piano diventano la sua piccola grande famiglia, anche se solo per 5 giorni.

The following two tabs change content below.

Krizia Ribotta Giraudo

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

4.8 5 203
Pellegrinaggi
164
Pellegrinaggio a Lourdes dal 2 al 5 Giugno
13-06-2016
5 5

Con questa mia desidero esprimere i più sinceri complimenti per il garbo, la professionalità, la competenza e la disponibilità con le quali Roberto ci ha accompagnato nel pellegrinaggio.
Essendo diretti in un luogo di culto e di fede, durante il viaggio sia all’andata che al ritorno, ha saputo gestire i momenti di preghiera e di approfondimenti storico culturali senza imporli ma proponendoli con garbo.
Una volta sul posto ha saputo dare ai partecipanti un quadro sufficientemente chiaro ed esaustivo della vita e …

Continua Lettura »

Leggi Tutte le Recensioni »
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.