Medjugorje

KrizevacMeđugorje per scriverlo in lingua locale, scritto anche Medjugorje, è una piccolissima località appartenente al comune di “Čitluk”, facente parte del cantone dell’Erzegovina-Narenta, della Federazione della Bosnia-Erzegovina.

Il paese di Medjugorje è la frazione principale di una parrocchia composta in totale da cinque villaggi: Međugorje, Bijakovići, Vionica, Miletina e Šurmanci, la cui popolazione è a maggioranza croata e di religione cattolica, ed è incastonato tra due colline, il Križevac e il Podbrdo (il nome stesso Medjugorje significa proprio “fra i monti”).

Medjugorje, pur essendo una minuscola località tra le colline brulle dell’Erzegovina, che non offre nulla a livello paesaggistico e turistico, né economico, è diventata suo malgrado famosa in tutto il mondo dal 24 Giugno 1981, giorno in cui a 6 bambini, Vicka Ivanković, Mirijana Dragičević, Ivan Dragičević, Marija Pavlović, Ivanka Ivanković e Jakov Čolo (che allora avevano tra 10 e 16 anni) in quella che per loro doveva essere una ordinaria giornata di gioco, appare la Vergine Maria sul monte Podrbdo che a loro si presenta come “Regina della Pace” (Kraljica Mira).

Per questo motivo Medjugorje è divenuta meta di numerosi pellegrinaggi.

La parrocchia di Medjugorje

La parrocchia di Medjugorje venne fondata il 1 maggio del 1892, con il decreto del vescovo fra Paskal Buconjic; la prima chiesa venne costruita nel 1897, con la sovraintendenza del parroco Fra Nikola Simovic. Purtroppo venne edificata su un terreno instabile e dopo poco tempo ha mostrò i primi segni di danneggiamento. Cosi già negli anni ’20 i parrocchiani iniziarono a pensare di costruirne una nuova nelle vicinanze. Mentre per edificare la prima chiesa ci volle solamente un anno soltanto, per la seconda ci vollero più di 40 anni. La nuova chiesa è stata inaugurata nel 1969 ed è dedicata a San Giacomo, apostolo e martire, protettore dei pellegrini. Inizialmente risultò troppo grande per i parrocchiani, mentre oggi spesso non è sufficiente per contenere i numerosissimi pellegrini pervenuti da tutto il mondo.

Storia di Medjugorje

Medjugorje e le origini

Nell’anno 1566 venne costruito nella meravigliosa valle della Narneta il monastero serbo-ortodosso di Žitomislić, nella parte orientale del paese. Sempre in quegli anni vennero ritrovati a Miletina una lapide medievale nel cimitero cattolico di Groblje Srebrenica e dei resti risalenti all’impero Romano.

Krizevac-via-crucisMedjugorje nell’Età contemporanea

Nel 1882, nasce la linea ferroviaria che collega Mostar e la Dalmazia nella stazione di Šurmanci.

Nel 1892, il vescovo di Mostar, Paškal Buconjić, decide di far ereggere a Medjugorje la parrocchia cattolica di San Giacomo andando contro alle tantissime critiche sorte al tempo riguardanti la dimensione e la vastità dell’impresa che il vescovo si accingeva ad intraprendere. Il famoso crocifisso alto 12 metri, che oggi viene visitato da migliaia di pellegrini, è posizionato sul monte Križevac come punto di arrivo della via Crucis križni put venne completato nel 1934.

Medjugorje durante la seconda guerra mondiale

Nel 1941 Medjugorje apparteneva allo stato indipendente della Croazia e la guerra mondiale imperviava, il monastero di Žitomislić venne saccheggiato. Subito il vescovo di Mostar di allora, Alojzije Mišić, scrisse una lettera di protesta direttamente indirizzata all’arcivescovo di Zagabria.

Medjugorje e lo sviluppo dopo la guerra

In un brevissimo lasso di tempo Medjugorje ebbe un boom economico e vide la costruzioni di tantissimi alberghi per accogliere i fedeli e i pellegrini che ogni anno vi si recavano per la preghiera e per le apparizioni.

Medjugorje e la cultura

Personalità legate a Medjugorje

  • Marin Čilić, tennista nato a Međugorje.
  • Ivan Dodig, tennista nato a Međugorje

Infrastrutture e trasporti di Medjugorje

L’aeroporto più vicino è quello di Mostar, a circa 25 km da Medjugorje che fu chiuso dal 1991 al 1998.

L’autostrada (A1) più vicina si trova in Croazia a 25 km da Međugorje nonostante la rete stradale si sia espansa dopo la guerra jugoslava. Un prolungamento è in corso e permetterà di avvicinarsi sempre più a Međugorje, fino a 5 km, entro l’estate 2013.

Per quanto riguarda i treni, il vicino centro di Neretva ha la sua stazione ferroviaria lungo la linea Ploče-Sarajevo.

4.8 5 203
Pellegrinaggi
164
Pellegrinaggio a Lourdes dal 2 al 5 Giugno
5 5

Con questa mia desidero esprimere i più sinceri complimenti per il garbo, la professionalità, la competenza e la disponibilità con le quali Roberto ci ha accompagnato nel pellegrinaggio.
Essendo diretti in un luogo di culto e di fede, durante il viaggio sia all’andata che al ritorno, ha saputo gestire i momenti di preghiera e di approfondimenti storico culturali senza imporli ma proponendoli con garbo.
Una volta sul posto ha saputo dare ai partecipanti un quadro sufficientemente chiaro ed esaustivo della vita e …

Continua Lettura »

Leggi Tutte le Recensioni »
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.