Le opere

Padre Pio amava gli uomini, e li amava sinceramente come figli di Dio e fratelli suoi, perché pregava molto. Per il loro bene spirituale era diventato “il cireneo di tutti”; per lenire le ferite della carne inventò “la cattedrale della carità” e la chiamò “Casa Sollievo della Sofferenza”.

S. Giovanni Rotondo lamentava la mancanza di un ospedale, e Padre Pio il 25 gennaio 1925 ebbe la gioia di vedere inaugurato il piccolo “Ospedale civile San Francesco”, sorto nel vecchio convento delle Clarisse: due corsie, con sette letti ciascuna e due camere riservate, cure gratuite ai poveri. Dopo tredici anni, rovinato dal terremoto del 1938, il piccolo ospedale chiudeva i battenti. Restaurato e trasformato, il locale divenne poi asilo infantile;

Ma le macerie del terremoto non seppellirono la carità: la sera del 9 gennaio 1940, nella cella del frate, nasceva l’idea della “Casa Sollievo della Sofferenza”. I figli spirituali di Padre Pio raccolgono dal suo cuore 1’idea e, terminato l’uragano bellico ed appianate inenarrabili difficoltà, il 16 maggio 1947 si poneva la prima pietra della “cattedrale della carità”.

Il 26 luglio 1954 si aprono gli ambulatori; il 5 novembre entra in funzione la Banca del sangue. E il 5 maggio 1956 si inaugura l’intero complesso, benedetto dalla voce di Pio XII.

Padre Pio stesso presentava così alla folla straripante la “creatura della Provvidenza”: “E’ stato deposto nella terra un seme che il Signore Dio riscalderà coi suoi raggi d’amore |…|. Quest’opera che voi oggi vedete è all’inizio della sua vita |…|. Una tappa del cammino da compiere è stata fatta. Non arrestiamo il passo, rispondiamo solleciti alla chiamata di Dio per la causa del bene, ciascuno adempiendo il proprio dovere: io, in incessante preghiera di servo inutile del Signore nostro Gesù Cristo, voi col desiderio struggente di stringere al cuore tutta l’umanità sofferente per presentarla con me alla misericordia del Padre celeste”.

4.8 5 203
Pellegrinaggi
164
Pellegrinaggio a Lourdes dal 2 al 5 Giugno
13-06-2016
5 5

Con questa mia desidero esprimere i più sinceri complimenti per il garbo, la professionalità, la competenza e la disponibilità con le quali Roberto ci ha accompagnato nel pellegrinaggio.
Essendo diretti in un luogo di culto e di fede, durante il viaggio sia all’andata che al ritorno, ha saputo gestire i momenti di preghiera e di approfondimenti storico culturali senza imporli ma proponendoli con garbo.
Una volta sul posto ha saputo dare ai partecipanti un quadro sufficientemente chiaro ed esaustivo della vita e …

Continua Lettura »

Leggi Tutte le Recensioni »
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.